6. Croce ghiandata


La croce ghiandata rappresenta l'antico stemma di famiglia di Sant'Antonio. Il nobile casato dei Buglione, originario di Lisbona, era accreditato alla corte del re del Portogallo per i molteplici servizi resi in tempo di guerra, durante le crociate e la lotta contro i mori.
Il padre di Fernando sognava per il proprio figlio un futuro da cavaliere, carico di gloria e di onori, ma la scelta per Dio del giovane Antonio trasformerà questa croce da simbolo guerresco in segno di pace e di amore.
Questo stemma si legherà indissolubilmente alla figura del Santo venendo riprodotto nei vari santuari a lui dedicati.
Lo stesso Antonio lo associerà al famoso breve o invocazione taumaturgica da lui pronunciata per scacciare il demonio, negli esorcismi e contro il male.
Questa invocazione viene da sempre pregata dai suoi devoti in particolari situazioni di dolore, sofferenza o tentazione.



Invocazione taumaturgica
o "Breve di Sant'Antonio"

Ecco la croce del Signore:
fuggite potenze nemiche!
Vince il Leone di Giuda,
la Radice di Davide è vittoriosa.
Alleluia, Alleluia.

Ecce crucem Domini,
fugite partes adversae!
Vicit Leo de tribu Iuda,
radix David.
Alleluia, Alleluia.

 Vai inizio pagina